Ricetta crepes, dolci facili e dolci autunnali

Il kefir

Il kefir

Nessun commento

Il kefir in Armeno vuol dire benessere, nasce nei monti del Caucaso dove è ancora molto diffuso e utilizzato da millenni.

Il kefir sono dei grani, formati da un polisaccaride chiamato kefiran, ricchi di batteri e di lieviti che, fermentando il latte o altri liquidi con un contenuto di zuccheri, come il latte di soia o il latte riso o con dell’acqua zuccherata, danno origine ad una bevanda ricca di fermenti lattici e probiotici.

E’ abbastanza simile allo yogurt, ma mentre lo yogurt si forma esclusivamente (o quasi) per fermentazione lattica il kefir si avvale anche di un processo alcolico, infatti nella fermentazione, prevalentemente lattica, intervengono anche diverse specie di lieviti che trasformano lo zucchero in alcool e in anidride carbonica.

Perché fa bene?

Il kefir ha un alto contenuto di nutrienti come il calcio, il magnesio, lo zinco, il fosforo, le vitamine del gruppo B come l’acido folico e la biotina, inoltre è ricco di vitamina K. Grazie ai suoi nutrienti apporta notevoli benefici al nostro organismo, stimola il sistema immunitario, contrasta l’osteoporosi, aiuta a ristabilire l’equilibrio della flora batterica intestinale, quindi un buon funzionamento dell’intestino e dell’apparato digerente, aiuta a rinforzare le difese immunitarie stimolando la produzione di anticorpi e contrasta candida o infezioni vaginali.

Dove possiamo trovare i grani i kefir:

Possiamo trovare i grani di kefir nei negozi di alimentazione biologica, in farmacia e in erboristeria.

Come si prepara in casa:

In commercio è possibile trovarlo già pronto, ma fatto in casa è sempre meglio. Questo è il metodo che uso per preparalo, ideale la mattina per una sana colazione, in cucina e ovviamente per fare dolci.

Colazione con kefir, fragole e fiocchi di avena

Colazione con kefir, fragole e fiocchi di avena

Metodo con il latte:

  1. Metto 2 cucchiai di grani di kefir in un barattolo di vetro senza riempirlo fino all’orlo
  2. aggiungo 500 ml di latte vaccino
  3. copro il vaso con il coperchio e lo conservo a temperatura ambiente (d’estate lo metto in frigo)
  4. lascio fermentare la miscela per 48 ore
  5. ogni tanto do una mescolata
  6. infine filtro il kefir con un colino a maglie strettissime
  7. lo conservo in frigo per qualche giorno

Consiglio di Susy:

Prova la mia ricetta di torta con kefir

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *

1 2 3 4 5